Prof Francesco Trimarchi

Accademia Peloritana dei Pericolanti

L’Accademia Peloritana dei Pericolanti viene fondata a Messina nel 1729 non ultima fra le prestigiose Accademie fiorite in Italia nel sedicesimo secolo.

Erano . a quel tempo attivi a Messina numerosi cenacoli dedicati prevalentemente alle Scienze Umane. Fra questi spiccava l’Accademia degli Accorti animata, fra gli altri, da Giovanni Alfonso Borelli, fondatore della iatromeccanica , progenitrice della moderna fisiopatologia e da Marcello Malpighi, precursore della medicina moderna per i suoi studi anatomo-clinici sulla patogenesi delle malattie.

L’Accademico degli Accorti Paolo Aglioti chiese con successo al Muratori che una nuova Accademia messinese , con finalità di carattere anche scientifico, venisse aggregata a quella modenese dei Dissonanti, denominandosi, Peloritana de' Pericolanti, perché "…come nel mare di Scilla e Cariddi pericola sempre il nocchiero, così nel sapere, tra le varie difficoltà e controversie, pericola lo studioso", come dettato dal primo segretario perpetuo l’Abate Carlo Vitali.

Dal 1729, quindi, inizia la Storia dell’Accademia che in stretta connessione con l’Ateneo di Messina ha pubblicato studi e ricerche biomediche a partire dal 1878, anno dell’uscita del primo dei 104 volumi degli Atti. A partire dal volume 105 , gli Atti della Classe di Scienze Medico-Biologiche saranno pubblicati on line , dopo peer revision, come Casi Clinici (Clinical Case Seminars) e Rassegne su invito (Scholarly Dialogs) e anche come memorie scientifiche sulla nuova rivista (in open access) la cui copertina rende omaggio a Giovanni Alfonso Borelli, professore di Fisiologia a Messina.

APMB

La rivista è consultabile all’ URL http://cab.unime.it/journals/index.php/APMB

Letto 83 volte

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

ONLINE

7 visitatori